Archive for the ‘Manifestazioni’ category

L’associazione a Partigiani In Ogni Quartiere

30 aprile 2012

L’intervendo dell’associazione la sera del 25 aprile dal palco di Partigiani In Ogni Quartiere…

“Lode dell’imparare” di Bertolt Brecht con “testo arabo a fronte”…

Annunci

Festa di fine anno

12 dicembre 2011

L’associazione Le radici e le ali ONLUS organizza la

FESTA DELLA SCUOLA DI ITALIANO PER STRANIERI

con

MUSICA E PIATTI DA TUTTO IL MONDO!

e lo spettacolo dell’attore e autore senegalese

MOHAMED BA
“SONO INCAZZATO BIANCO”

monologo breve su immigrazione, precarieta’ e disoccupazione

Vi aspettiamo numerosi!

VENERDI 16 DICEMBRE 2011 – ore 20

Presso:  SpaziOdazione (la casetta verde in via Odazio, nel parco tra via Lorenteggio e via Giambellino a Milano). Tram 14 – Bus 50 61 64

INGRESSO A OFFERTA LIBERA

Scarica la locandina dell’iniziativa

Giornata d’azione globale contro il razzismo

2 dicembre 2011

Giornata d’azione globale contro il razzismo
per i diritti dei migranti, rifugiati e sfollati

MANIFESTAZIONE Sabato 17 dicembre
ore 14.30 Piazzale Loreto (angolo via Padova)

Questo dicembre 2011 sarà speciale. Non solo per le feste natalizie ma perché per la prima volta, in tutto il mondo, ci saranno delle iniziative per affermare il loro NO al razzismo, il diritto dei migranti a stabilirsi nel paese che scelgono, il diritto dei rifugiati ad avere una accoglienza degna, il diritto degli sfollati a non essere sfrattati dalla propria terra.
Questa giornata d’azione globale è nata nel Foro Mondiale delle Migrazioni a Quito 2010 e nel 2011 ha poi trovato conferma nel Foro Sociale Mondiale a Dakar.
In quei luoghi migliaia di persone hanno ribadito il diritto di migrare come scelta e il diritto a vivere nel proprio paese senza essere costretti a fuggire e insieme hanno deciso di organizzare svariate iniziative, intorno al 18 dicembre, data in cui l’Onu ha firmato la convenzione per i diritti dei lavoratori migranti e le loro famiglie non recepita da nessun paese occidentale.
È necessario che il movimento dei migranti, dei rifugiati e degli sfollati si riconosca come un movimento globale, perché globale è la crisi creata dai poteri contro i quali ci scontriamo. Per questo vogliamo che la giornata di azione globale attraversi anche Milano!
Vogliamo si ascolti la voce di chi ha lottato contro la sanatoria truffa e la farsa dei decreti flussi, per avere meccanismi di regolarizzazione che permettano ai migranti, che vivono e lavorano in questo paese, di uscire dalla clandestinità. Vogliamo che venga ritirato il decreto sul permesso di soggiorno a punti, ultimo colpo di coda del governo Berlusconi.
Vogliamo i diritti di cittadinanza per tutti: dal diritto di voto per i migranti alla riforma della legge sulla cittadinanza perché i figli degli immigrati siano anche figli del paese in cui nascono o crescono.
Vogliamo si ascolti la voce dei profughi scappati dalle guerra in Libia e da altre guerre. La gestione emergenziale ed improvvisata del governo rischia di farli cadere in una situazione di irregolarità, rigettando le loro domande di domanda di asilo. Loro hanno diritto a un permesso per motivi umanitari!
Vogliamo ribadire che gli essere umani hanno il diritto di circolare liberamente, per questo non devono esistere e vanno aboliti luoghi come i Centri di detenzione nei quali si limita la libertà e i diritti fondamentali delle persone.

Vieni anche tu a manifestare!
Migranti e Nativi uniti, cittadini di questa nuova Milano meticcia!

Comitato Milanese per la Giornata d’Azione Globale info@globalmigrantsaction.org

Scarica il volantino

 

 

Manifestazione in sostegno alle rivolte dei popoli arabi

15 marzo 2011

NO A QUALSIASI INTERVENTO MILITARE
SOSTENIAMO LE RIVOLTE DEI POPOLI ARABI

Le rivolte delle popolazioni arabe contro i regimi autoritari, da sempre amici dei governi occidentali, rappresentano uno sconvolgimento di portata storica. Sono le prime rivoluzioni nella fase della crisi del sistema a livello planetario, rivolte per la libertà, la partecipazione, la giustizia sociale. Donne e uomini, lavoratrici e lavoratori, più o meno precari, giovani in cerca di un futuro (e un presente) migliore hanno abbattuto – per il momento – i governi di Ben Ali e Hosni Mubarak, ma molti altri sono in “pericolo” (dalla Libia alla Giordania, dal Bahrein all’Algeria…). Queste rivolte stanno facendo paura ai regimi della regione ma anche ai loro amici e protettori occidentali, nell’Unione europea e negli Usa, che vorrebbero intervenire anche militarmente per mettere un freno alle rivolte e avere una maggiore presenza in quella regione così importante per la produzione e la distribuzione delle materie prime energetiche e per il controllo/repressione dei flussi migratori.
Anche in Italia sono state molte le manifestazioni a sostegno delle rivolte, ma è arrivato il momento di un salto di qualità, di fronte ai rischi di un intervento militare e alla repressione dei processi partecipativi in nord Africa.

Per questo abbiamo deciso di manifestare

Sabato 19 marzo 2011

Corteo da piazzale Loreto, Milano – ore 15.00

(in occasione della “giornata internazionale di solidarietà per la rivolta delle genti arabe e africane” lanciata dall’assemblea dei movimenti sociali a Dakar):

  • per il sostegno alle popolazioni arabe in rivolta e in solidarietà alla forze popolari, democratiche e rivoluzionarie – e in particolare alle donne che rivendicano di non essere escluse dal processo politico in corso per promuovere il cambiamento verso la parità dei diritti contro ogni forma di discriminazione di genere;
  • contro ogni possibile intervento militare “senza se e senza ma”: no ad ogni missione “umanitaria”, alle NoFlyZone (primo passo della guerra), all’invio di truppe e all’utilizzo delle basi militari in Italia;
  • per una vera accoglienza di migranti e profughi, contro la retorica razzista della “invasione” e le politiche di respingimento nel Mediterraneo.

Promuovono

Al Jarida, Ass. Dimensioni Diverse, Ass. Alfabeti, Ass. Le radici e le ali, Donne in nero, Salaam ragazzi dell’Olivo, CSA Vittoria, Guerre&Pace, SiCobas, Partito Comunista dei Lavoratori, Sinistra Critica

Per adesioni: sostegnorivoltearabe@gmail.com

Siamo qua e vogliamo vivere e lavorare alla luce del sole!

17 novembre 2010

Permesso di soggiorno per gli immigrati e immigrate che vivono e lavorano in Italia

A settembre del 2009 il governo emette un Decreto legge che permette l’emersione dal lavoro nero solo per Colf o Badanti. Tutti gli altri lavoratori non possono fare domanda.
Questo ha significato che molti immigrati che facevano altri tipi di lavoro (muratori, falegnami, braccianti, ecc) non hanno potuto accedere a questa sanatoria.
Questi lavoratori sono caduti nelle grinfie della malavita. Molti hanno subito vere e proprie truffe organizzate.

NOI VOGLIAMO POTER LAVORARE E VIVERE ALLA LUCE DEL SOLE!

Per questo chiediamo al governo di poter avere un permesso di soggiorno per ricerca occupazione che ci permette di uscire dalla “clandestinità” e di poter avere non solo i diritti che ha ogni cittadino ma anche i doveri.
Per questo faremo una manifestazione

SABATO 20 NOVEMBRE ALLE ORE 15.00

partenza dal presidio sotto la torre di via Imbonati (altezza civ 49)

Chiediamo:
1) rilascio del permesso di soggiorno per chi ha subito la “sanatoria truffa”;
2) prolungamento del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro;
3) rilascio del permesso di soggiorno per chi denuncia il datore di lavoro in nero o lo sfruttamento sul lavoro;
4) emanazione di una legge che garantisca il diritto di asilo;
5) riconoscimento del diritto di voto per chi vive in Italia da almeno 5 anni;
6) riconoscimento della cittadinanza per chi nasce o cresce in Italia.

Organizza Comitato Immigrati di Milano

immigratimilano.blogspot.com
comitatoimmigratiitalia.milano@gmail.com

___

Mozione conclusiva dell’assemblea nazionale antirazzista di Milano 14 novembre 2010

Prima Brescia, poi Milano ora tutta Italia
Il 14 novembre è stata  fatta un’assemblea antirazzista alla quale hanno partecipato diverse città di Italia: Brescia, Milano, Parma, Trieste, Bologna, Vicenza, Padova, Massa Carrara, Bergamo, Genova.
La riunione è stata fatta in solidarietà con la lotta che stanno conducendo gli immigrati sulla gru a Brescia dal 30 ottobre e quelli sulla torre di via Imbonati dal 5 novembre contro la sanatoria truffa e per il permesso di soggiorno per tutti.
Noi siamo consapevoli che in entrambi i casi la lotta dei migranti si configura come un lotta sociale collettiva che riguarda la condizione dei migranti nel suo complesso. In particolare il movimento bresciano dei migranti e degli antirazzisti sta pagando un prezzo altissimo per il suo impegno. Altri devono ora raccogliere la sfida che è stata lanciata, in forme che rendano visibile una solidarietà che si è già espressa in forma di massa nella grande manifestazione di Bologna dello scorso 13 novembre.
L’assemblea ha deciso di indire una giornata di lotta in ogni città di Italia per sabato 20 novembre.
È stato inoltre chiesto ad altre città di Italia di seguire l’esempio dei nostri fratelli di Brescia e Milano e organizzare iniziative di lotta che siano continuative perché il problema della sanatoria truffa non è locale ma nazionale.
Infine si convoca ad un’assemblea nazionale del movimento antirazzista e degli immigrati per domenica 28 novembre a Firenze. Si chiede alle città di fare, nella misura del possibile, assemblee cittadine affinché l’assemblea nazionale possa essere un momento in cui si confrontino pareri e azioni già discusse nelle città.

L’acqua non si vende!

11 novembre 2010

Pochi mesi fa oltre un milione e quattrocentomila persone in tutta Italia -di cui 237 mila nella sola Lombardia- hanno firmato per i referendum a favore dell’acqua pubblica; un successo senza precedenti nella storia dei referendum in Italia.
Incurante di questa straordinaria risposta popolare la giunta della Regione Lombardia ha approvato un progetto di legge che, se non verrà fermato, consegnerà di fatto ai privati la gestione dell’acqua di tutta la Lombardia!
La battaglia perchè l’acqua sia pubblica è ancora lunga e richiede l’impegno e la partecipazioni di tutte/i.
Mobilitiamoci perchè questo bene primario non venga sottratto a noi e alle future generazioni per essere svenduto a pochi grandi speculatori e multinazionali.

SABATO 13 NOVEMBRE ORE 10 – via Fabio Filzi (Pirellone)
MANIFESTAZIONE CONTRO LA PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA IN LOMBARDIA
indetta dal Coordinamento Regionale Lombardo dei Comitati per l’Acqua Pubblica

MARTEDI’ 16 NOVEMBRE ORE 21
ASSEMBLEA PUBBLICA
interviene Marco Bersani
del Forum Italiano Dei Movimenti Per L’Acqua

presso la Cooperativa Giambellino
Piazza Tirana, 18 – Milano
Bus 49 (da MM1 Inganni) – Tram 14

organizza
Comitato Acqua Bene Comune Zona 6 Milano

info: acqua.bene.comune.zona6@gmail.com

Scarica la locandina in formato stampabile

Ora siamo stanchi: permesso di soggiorno subito!

9 novembre 2010

Appello alla mobilitazione e convocazione di un’assemblea nazionale.

Milano, 7 novembre 2010. Dal 5 novembre un gruppo di immigrati è salito in cima alla torre ex Carlo Erba in Via Imbonati a Milano. Non scenderanno fino a che non verrà data risposta alla richiesta di veder riconosciuto il diritto a una vita dignitosa, che passa innanzitutto per l’ottenimento del permesso di soggiorno.
In prosecuzione delle mobilitazioni degli ultimi mesi e come gli immigrati di Brescia, che alla fine di ottobre sono saliti su una gru della metropolitana, anche gli immigrati milanesi denunciano una situazione che coinvolge almeno 50mila persone, tutte truffate da una sanatoria farsa per la quale hanno sborsato migliaia di euro e da cui la maggioranza è rimasta esclusa per motivi pretestuosi.
La sanatoria del 2009 – ovverossia l’unico mezzo possibile in Italia per emergere dal lavoro nero e dalla clandestinità – si rivolgeva, infatti, solo a due categorie di lavoratori (colf e badanti), escludendone così la stragrande parte.
Il pagamento di una tassa di € 500, la dubbia esclusione di chi ha precedenti espulsioni e l’attivazione di reti criminali diffuse per lo sfruttamento e l’estorsione dei cittadini stranieri (disposti a sborsare ingenti somme di denaro per regolarizzarsi), hanno generato un mostro sociale, culturale e giuridico.

“Dalla torre di Via Imbonati si lancia, dunque, un appello a tutti i cittadini, immigrati e italiani, perché vengano a sostenere e a partecipare alla protesta, che è di tutti!” dichiarano i cittadini stranieri e le organizzazioni che sostengono la mobilitazione. “Si fa appello ai cittadini e ai lavoratori, stranieri e italiani, alle associazioni, alle comunità, alle organizzazioni, ai sindacati e a tutti i soggetti interessati perché appoggino la mobilitazione e sostengano il presidio permanente di Via Imbonati. Se, infatti, i lavoratori immigrati, ottenendo il riconoscimento di un diritto fondamentale, emergono dal lavoro nero e dalla clandestinità, divengono meno ricattabili e ciò si traduce in un beneficio per tutti, lavoratori e cittadini, stranieri e italiani.” concludono i partecipanti e i sostenitori del presidio permanente.

Inoltre, dalla Torre si ribadiscono i punti della mobilitazione:
1) rilascio del permesso di soggiorno per chi ha partecipato alla “sanatoria truffa”;
2) prolungamento del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro;
3) rilascio del permesso di soggiorno per chi denuncia il datore di lavoro in nero o lo sfruttamento sul lavoro;
4) emanazione di una legge che garantisca il diritto di asilo;
5) riconoscimento del diritto di voto per chi vive in Italia da almeno 5 anni;
6) riconoscimento della cittadinanza per chi nasce o cresce in Italia.

Per denunciare il meccanismo criminalizzante della sanatoria 2009 si convoca a un’assemblea nazionale per domenica 14 novembre alle ore 11 sotto alla Torre di Via Imbonati 49 per:

  • definire l’istanza di regolarizzazione generalizzata da presentare al Ministero degli Interni
  • per richiedere la regolarizzazione di tutti i truffati
  • concordare le azioni future rilanciando i 6 punti della mobilitazione.

Comitato Immigrati in Italia – Milano
per adesioni: comitatoimmigratiitalia.milano@gmail.com
per info 3200118441 – 3771851896

ADERISCONO: Ci siamo anche noi (Pavia), Dialogo (Milano), Convergenza delle culture (Milano), Movimento immigrati Primo Marzo, Arci Milano, Naga, Cub, Comitato Inquilini Molise Calvairate (Milano); Associazione Trama di Terre (Imola – Bo); Associazione Sant’Angelo Solidale Onlus; Asgi – Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione; redazione di MilanoX; Gruppo EveryOne, Watching The Sky; La Ruota Rossa; Anne’s Door; Generazione Italia Milano, Sezione Diritti Umani; Forum Cittadini del Mondo (Grosseto); SICET/Bovisa (Milano); Coordinamento Nord Sud del Mondo (Milano); Ass. Baobab di Opera (MI); Spazio Aperto Multietnico di Milano; Comunità del Messaggio di Silo “la città nascosta”; Luciano Muhlbauer (Prc Milano); Centro Culturale Multietnico La Tenda (Milano); José Luis Tagliaferro – NuestrAmerica; Massimo De Giuli – Milano; Rosa Cammarata, Palermo; Rete Milanese per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni nei confronti dello stato di Israele; Associazione Umanista L’albero della vita onlus; Asnada onlus; Maria Luisa Tornesello; Partito Umanista di Milano; Rete Antirazzista Catanese; CNCA Lombardia; Partito della Rifondazione Comunista (Federazione di Milano); Sportello Immigrati USB di Pisa; Massimo De Giuli – (Mi); Raffaella Manzo; Giulio Cengia (Mi), Emergency; Gruppo bovisateatro (Mi); Le radici e le ali ONLUS; Rete Scuole Senza Permesso

Tutti i giorni alle ore 20 assemblea sotto la torre:
l’unità e la solidarietà sono la nostra forza!

Scarica l’appello in versione stampabile

Scarica un volantino che spiega le ragioni della protesta

Ora siamo stanchi: permesso di soggiorno subito!

Appello alla mobilitazione e convocazione di un’assemblea nazionale.

 

Milano, 7 novembre 2010. Dal 5 novembre un gruppo di immigrati è salito in cima alla torre ex Carlo Erba in Via Imbonati a Milano. Non scenderanno fino a che non verrà data risposta alla richiesta di veder riconosciuto il diritto a una vita dignitosa, che passa innanzitutto per l’ottenimento del permesso di soggiorno.

In prosecuzione delle mobilitazioni degli ultimi mesi e come gli immigrati di Brescia, che alla fine di ottobre sono saliti su una gru della metropolitana, anche gli immigrati milanesi denunciano una situazione che coinvolge almeno 50mila persone, tutte truffate da una sanatoria farsa per la quale hanno sborsato migliaia di euro e da cui la maggioranza è rimasta esclusa per motivi pretestuosi.

La sanatoria del 2009 – ovverossia l’unico mezzo possibile in Italia per emergere dal lavoro nero e dalla clandestinità – si rivolgeva, infatti, solo a due categorie di lavoratori (colf e badanti), escludendone così la stragrande parte.

Il pagamento di una tassa di € 500, la dubbia esclusione di chi ha precedenti espulsioni e l’attivazione di reti criminali diffuse per lo sfruttamento e l’estorsione dei cittadini stranieri (disposti a sborsare ingenti somme di denaro per regolarizzarsi), hanno generato un mostro sociale, culturale e giuridico.

 

Dalla torre di Via Imbonati si lancia, dunque, un appello a tutti i cittadini, immigrati e italiani, perché vengano a sostenere e a partecipare alla protesta, che è di tutti!” dichiarano i cittadini stranieri e le organizzazioni che sostengono la mobilitazione. “Si fa appello ai cittadini e ai lavoratori, stranieri e italiani, alle associazioni, alle comunità, alle organizzazioni, ai sindacati e a tutti i soggetti interessati perché appoggino la mobilitazione e sostengano il presidio permanente di Via Imbonati. Se, infatti, i lavoratori immigrati, ottenendo il riconoscimento di un diritto fondamentale, emergono dal lavoro nero e dalla clandestinità, divengono meno ricattabili e ciò si traduce in un beneficio per tutti, lavoratori e cittadini, stranieri e italiani.” concludono i partecipanti e i sostenitori del presidio permanente.

 

Inoltre, dalla Torre si ribadiscono i punti della mobilitazione:

1) rilascio del permesso di soggiorno per chi ha partecipato alla “sanatoria truffa”;

2) prolungamento del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro;

3) rilascio del permesso di soggiorno per chi denuncia il datore di lavoro in nero o lo sfruttamento sul lavoro;

4) emanazione di una legge che garantisca il diritto di asilo;

5) riconoscimento del diritto di voto per chi vive in Italia da almeno 5 anni;

6) riconoscimento della cittadinanza per chi nasce o cresce in Italia.

 

Per denunciare il meccanismo criminalizzante della sanatoria 2009 si convoca a un’assemblea nazionale per domenica 14 novembre alle ore 11 sotto alla Torre di Via Imbonati 49 per:

  • definire l’istanza di regolarizzazione generalizzata da presentare al Ministero degli Interni

  • per richiedere la regolarizzazione di tutti i truffati;

  • concordare le azioni future rilanciando i 6 punti della mobilitazione.

 

Comitato Immigrati in Italia – Milano

per adesioni: comitatoimmigratiitalia.milano@gmail.com

per info 3200118441 – 3771851896

 

ADERISCONO: Ci siamo anche noi (Pavia), Dialogo (Milano), Convergenza delle culture (Milano), Movimento immigrati Primo Marzo, Arci Milano, Naga, Cub, Comitato Inquilini Molise Calvairate (Milano); Associazione Trama di Terre (Imola – Bo); Associazione Sant’Angelo Solidale Onlus; Asgi – Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione; redazione di MilanoX; Gruppo EveryOne, Watching The Sky; La Ruota Rossa; Anne’s Door; Generazione Italia Milano, Sezione Diritti Umani; Forum Cittadini del Mondo (Grosseto); SICET/Bovisa (Milano); Coordinamento Nord Sud del Mondo (Milano); Ass. Baobab di Opera (MI); Spazio Aperto Multietnico di Milano; Comunità del Messaggio di Silo “la città nascosta”; Luciano Muhlbauer (Prc Milano); Centro Culturale Multietnico La Tenda (Milano); José Luis Tagliaferro – NuestrAmerica; Massimo De Giuli – Milano; Rosa Cammarata, Palermo; Rete Milanese per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni nei confronti dello stato di Israele; Associazione Umanista L’albero della vita onlus; Asnada onlus; Maria Luisa Tornesello; Partito Umanista di Milano; Rete Antirazzista Catanese; CNCA Lombardia; Partito della Rifondazione Comunista (Federazione di Milano); Sportello Immigrati USB di Pisa; Massimo De Giuli – (Mi); Raffaella Manzo; Giulio Cengia (Mi), Emergency; Gruppo bovisateatro (Mi); Le radici e le ali ONLUS; Rete Scuole Senza Permesso

 

Tutti i giorni alle ore 20 assemblea sotto la torre:

l’unità e la solidarietà sono la nostra forza!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: